Data  3/8/2013 3:07:40 PM | Sezione ENASARCO INPGI ENASARCO INPGI

Diamo voce alle donne



Abbiamo ricevuto dalla nostra sezione Enasarco il seguente documento, che pubblichiamo nell’intento di dar voce alle nostre colleghe, nonostante il Sindacato abbia proclamato il proprio stato di lutto per la tragedia occorsa il 06 marzo alle colleghe impiegate nella Regione Umbria.




Quest'anno in occasione dell’8 marzo abbiamo voluto dar voce direttamente alle donne raccogliendo pensieri, frasi e speranze per riportare sfumature e diversità su questo tema. Le abbiamo raccolte tra noi in maniera semplice e le riportiamo così come sono state espresse.

Non sono frasi da condividere o meno ….. ognuna di noi ha un vissuto, ha un carattere, ha una sensibilità, ha una sua personale sensazione in questo giorno.

C'è chi lo vive e chi si rifiuta invece di viverlo. Spesso quest'ultimo atteggiamento deriva da una reazione di contrasto alle modalità proposte su come viverlo.

Dobbiamo dire infatti che, sebbene sia nato da un evento doloroso, negli anni ha acquistato purtroppo connotazioni consumistiche e "faziosamente esaltanti" che non appartengono a molte donne. Ma oggi comunque è l’occasione di fermarsi almeno un attimo e dedicare un po’ del nostro tempo ad alcune riflessioni sull’essere donna nel mondo di oggi.

*       "Una vera donna la riconosci dal suo carattere forte, deciso, dolce, ma soprattutto la riconosci dal suo impegno verso la famiglia."

*       "La "festa" della donna è l'anniversario di un dolore. Occorre rispetto. Le donne danno vita al mondo, impariamo a rispettarle per un mondo migliore."

*       “La Donna è un tesoro prezioso che Dio ha dato all’umanità. La Donna crea legami d’amore che rendono forti e sereni …. La Donna si dona alla famiglia, all’amicizia senza riserva … focolaio domestico che illumina di gioia la vita ….Non tutte abbiamo scoperto il potenziale valore che abbiamo …..oppure lo utilizziamo in maniera negativa e ne paghiamo per prime le conseguenze …. più siamo a scoprirlo più miglioreremo il mondo …… AUGURI A TUTTE NOI …..”

*       “Donne che sperano o danno speranza, donne rinchiuse dentro una stanza. Donne bambine, donne sorelle, donne dolci dall’aria ribelle. Donne mamme, donne nonne, coi pantaloni, donne colonne. Donne sposate, donne anche in bici, donne ridenti, donne felici!”

*       “Nascere donna è un gran dono … un mondo di emozioni e sentimenti che solo chi è donna può capire"

*       "La mia speranza è che arrivi il giorno in cui nessuno parlerà più di “quote rosa” e non sentiremo più leader politici dichiarare, come un punto di merito, di aver riservato alle donne un tot di candidature in parlamento o di dicasteri nel proprio governo; il giorno in cui nessuna donna sentirà il bisogno di coniare termini cacofonici e un po’ ridicoli come “la ministra” per sottolineare l’appartenenza al sesso femminile. Quel giorno, che forse arriverà tardi per le donne della mia generazione ma potrà essere vissuto pienamente dalla generazione delle nostre figlie, sarà una cosa del tutto normale che in parlamento, o in una giunta regionale, ci siano semplicemente delle “persone”, scelte per capacità e onestà e non in virtù di provvedimenti che sanno un po’ di “riserva indiana” e un po’ di “contentino”, e la proporzione tra uomini e donne potrà essere anche nettamente a favore di queste ultime, ma la cosa passerà del tutto inosservata."

*       "E’ arrivato il momento per noi donne di educare i figli maschi a rispettare le donne"

*       “Vorrei che le donne siano sempre consapevoli della loro preziosità, nell’ambito della famiglia, del lavoro, della società; alle volte non lo ricordano e sono vittime di soprusi e brutalità non trovando la forza e il coraggio di reagire.”

*       “Nella vita ho potuto scoprire che Dio ha dato a me donna, nel fisico, nella mente e nella complessa psicologia, tutte le potenzialità per esprimere e vivere pienamente il mio essere e ciò non mi ha messo in contrapposizione con l'altro/uomo, nella consapevolezza che siamo parte della stessa natura. In questa giornata però siamo noi donne al centro dell'attenzione e festeggio questa ricorrenza soprattutto cercando di ricordare a mio figlio, a mio marito, ai miei amici, ai miei colleghi di lavoro che ci dobbiamo sforzare sempre, nel vortice consumistico e arrivista del "carpe diem" odierno, di pensare alla donna come ad una delicata sfumatura dell'essere umano, con rispetto e amore. Certo, molto dipende anche da noi stesse e, oltre l’8 marzo, è uno stile di vita che dobbiamo attuare ogni giorno."

                                      Un'occasione per non dimenticare.                                                                                      

LE DONNE della DIRPUBBLICA ENASARCO



Tags donna, enasarco, voce, 8, marzo, festa