Data  5/17/2021 2:21:37 AM | Sezione Varie Varie

ARCHIVIATO IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE A CARICO DEL RAGIONIERE CAPO DEL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA


Palla al centro!
Palla al centro!

Si è conclusa positivamente la vicenda che ha coinvolto il dott. Alfonso Catalano in un pericoloso tentativo di travisamento della realtà che avrebbe potuto costituire un pericoloso precedente per la funzionalità stessa di un Organo istituzionale degli Enti locali (qual è il Ragioniere Capo), oltre che per i funzionari che lo impersonano.




Come abbiamo raccontato (vedi: https://www.dirpubblica.it/contents.aspx?id=4207), nei confronti di Alfonso Catalano, Alto funzionario del Comune di Piazza Armerina e Segretario regionale DIRPUBBLICA per la Sicilia, era stata avviata una segnalazione di violazione disciplinare per non avere avallato l’approvazione del regolamento per la progressione economica orizzontale del personale.

Un attacco ingiustificato nei confronti di un funzionario che ha espresso un parere tecnico contabile obbligatorio nell’esercizio della sua funzione istituzionale, parere peraltro non vincolante e rispetto al quale l’ente locale può motivatamente discostarsi come previsto dalla legge.

DIRPUBBLICA si è fatta carico della questione, fornendo assistenza al Dott. Catalano in sede di audizione e mantenendo alta l’attenzione sulla situazione ambientale del Comune di Piazza Armerina per tramite del proprio ufficio stampa.

Il provvedimento è stato opportunamente archiviato dall’Ufficio procedimenti disciplinari del Comune che ne ha rilevato la tardività.

Nelle more della procedura il Segretario Comunale Generale, Maurizio Casale, che aveva avviato la segnalazione ha lasciato il proprio incarico a Piazza Armerina.

Nell’accogliere con ottimismo il ripristino del buon senso nelle stanze del Comune di Piazza Armerina e il superamento di questa incresciosa vicenda non nascondiamo il disappunto per non avere ottenuto, come espressamente richiesto, un’archiviazione nel merito, fra l’altro più utile alla stessa Amministrazione comunale che al diretto interessato.

Per finire non possiamo nascondere la nota dolente rappresentata da un vistoso “lavaggio delle mani” sulla vicenda, da parte dell’Ispettorato della Funzione Pubblica, espressamente interpellato dalla Segreteria Generale del Sindacato. Ciò a dispetto dell’art. 60, co.6, del D.Lgs 165/2001 che, espressamente, così recita: “L'Ispettorato vigila e svolge verifiche sulla conformità dell'azione amministrativa  ai  principi  di  imparzialità  e  buon   andamento, sull'efficacia della sua attività con particolare  riferimento  alle riforme volte alla  semplificazione  delle  procedure,  sul  corretto conferimento degli incarichi, sull'esercizio dei poteri disciplinari, sull'osservanza delle disposizioni vigenti in  materia  di  controllo dei costi” (Sic!)



Tags Piazza Armerina, disciplina, archiviazione, Alfonso Catalano, Maurizio Casale, Ragioniere Capo