Data  12/21/2019 11:53:23 AM | Sezione Entrate Entrate

SIETE A CONOSCENZA DI COSA È DIVENTATA EQUITALIA E COME OPERA?


-
-

Pensavate che con EQUITALIA avessimo toccato il fondo? La sua abolizione non cambia le cose, anzi le peggiora!




SIETE A CONOSCENZA DI COSA È DIVENTATA EQUITALIA E COME OPERA?

Pensavate che con EQUITALIA avessimo toccato il fondo?
La sua abolizione non cambia le cose, anzi le peggiora!

 

 

Stiamo portando avanti una battaglia giudiziaria affinché la riscossione dei crediti erariali sia conforme, in tutti i suoi aspetti, ai principi costituzionali.

Premesso che, la nostra azione non è tesa a danneggiare in alcun modo i lavoratori di Agenzia delle Entrate Riscossione, nei cui confronti sono responsabili i governi che hanno creato e mantenuto l’attuale situazione.

La fusione di Equitalia spa, in Agenzia delle Entrate Riscossione (Ente Pubblico Economico), ha fatto confluire i dipendenti di un ENTE PRIVATO (Equitalia S.p.A) in un ENTE PUBBLICO senza REGOLARE concorsi, senza timore di porre a rischio i lavoratori di ex Equitalia e minacciare quello di impiegati e dirigenti pubblici.

È necessario che le funzioni essenziali per il funzionamento dello Stato, quale la riscossione delle imposte, debbano essere svolte da funzionari “pubblici”, assunti per mezzo di concorsi pubblici, perché solo così ne è garantito l’esercizio imparziale a garanzia dei cittadini, tanto più considerati i poteri coercitivi di cui dispone l’ente preposto alla riscossione.

L’operazione, oltre ad essere incostituzionale, costituisce un pericoloso accentramento delle funzioni fiscali nell’ambito delle Entrate con confusione dei vertici.

Inoltre, si deve considerare che al nuovo ente esattore sono state conferite facoltà di accesso diretto alle banche dati e quindi ai conti correnti dei cittadini e delle imprese, con conseguente autonomo utilizzo delle informazioni!

Ciò costituisce un evidente pericolo per la Democrazia e, quindi, per la sicurezza dei cittadini.

DIRPUBBLICA vuole portare di fronte alla Corte costituzionale le norme che consentono tutto questo. Infatti, il 21/05/2017 Essa insorse tempestivamente, tentando di arrestare l’operazione prima che si concretizzasse, ma nei due anni successivi è stata bloccata da una sequela di alterne pronunce del TAR e del Consiglio di Stato, che attualmente, senza entrare nel merito, sono ferme ad inaccettabili carenze di legittimazione e di interesse ad agire, condannandola a ben 5.000,00 euro di spese più accessori.

In poche parole, le è stato detto: “non provarci più”!

DIRPUBBLICA, invece, sta tentando con tutte le forze di portare a termine una battaglia di civiltà giuridica, ma ha bisogno di un sostegno per le spese legali.

Chi vuole bloccare questa continua vessazione per lavoratori, imprenditori e cittadini, PARTECIPI ALLA RACCOLTA FONDI.

 

PER ADERIRE CLICCA 👉🏻 QUI

 

Aiutate DIRPUBBLICA a combattere questa ingiustizia!

 



Tags equitalia, Agenzia delle Entrate Riscossione, tasse, concorsi pubblici, Corte costituzionale, Entrate